L'informazione in Odontoiatria



Ortodonzia Posturologia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Implantologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

ADDOMINOPLASTICA

L'addominoplastica è l'intervento di Chirurgia Estetica che si occupa di apportare le necessarie correzioni quando, nelle donne, eventi fisici come gravidanze o repentini considerevoli dimagrimenti, comportano conseguenze antiestetiche quali pelle in eccesso, smagliature, cedimento della muscolatura. Talvolta, in casi estremi, la pelle e il grasso in eccesso possono ripiegarsi su sé stessi, formando vere e proprie pieghe (addome "a grembiule").
Nell'uomo, invece, la tonicità della muscolatura addominale tende col passare degli anni a diminuire drasticamente dando luogo, parimenti, ad un addome dall'aspetto fortemente antiestetico.

   
apparecchio invisibile

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito

 

 

L'operazione di addominoplastica in breve
Durante l'operazione, il chirurgo separa pelle e grasso dai sottostanti muscoli addominali effettuando un'incisione che decorre da un lato all'altro dell'addome, a livello dei peli pubici. Quindi la pelle e il grasso vengono tirati verso il basso come fossero una "tendina", l'eccesso rimosso, la muscolatura addominale opportunamente rinforzata con appropriate suture. Infine, le ferite chirurgiche vengono suturate e viene ricostruito un nuovo ombelico nella sua naturale posizione.
Vi sono casi, invece, in cui può esser sufficiente un'operazione meno estesa, realizzata combinando lipoaspirazione e moderata rimozione di pelle in eccesso.

ADDOMINOPLASTICA

foto addominoplastica prima dell'intervento di chirurgia esteticafoto addominoplastica dopo intervento di chirurgia estetica  
Foto prima e dopo un intervento di addominoplastica
effettuato dal Prof Del Gaudio
 

Quali sono le conseguenze di questa operazione?
L'addominoplastica ha l'obiettivo di restituirvi un addome piatto e tonico: nella maggioranza dei casi ciò è possibile con una sola seduta. Sarà necessario un ricovero in clinica per due-tre giorni, durante i quali vi saranno applicati alcuni drenaggi. Residueranno esiti cicatriziali importanti, la cui qualità dipende esclusivamente dal vostro tipo di cute e capacità rigenerativa:

  • Una cicatrice lineare che decorre nel basso addome e che generalmente è interamente celata dal costume da bagno.

  • (se la tecnica chirurgica lo ha previsto) una cicatrice circolare periombelicale, celata all'interno dell'ombelico stesso.

  • (in rari casi) una piccola cicatrice verticale sovrapubica.

    È possibile che per un certo periodo di tempo riscontriate una diminuzione della sensibilità cutanea nella regione bassa dell'addome, dovuta all'interruzione delle terminazioni nervose sensitive: normalmente questa iposensibilità è transitoria, in rari casi permanente.

    ADDOMINOPLASTICA
    Durata e Limiti

    Durerà il miglioramento conseguito?
    Sì. L'effetto estetico e di sostegno della parete addominale  conseguito con l'intervento di addominoplastica durerà tutta la vita, a patto che non ingrassiate in maniera smodata o non abbiate altre gravidanze.

    Quali sono i limiti dell'addominoplastica?
    L'addominoplastica rimuoverà solamente gli inestetismi (cicatrici preesistenti, smagliature, ecc.) che si trovano sulla porzione di cute che viene eliminata.

    Quali sono i rischi?
    Nella chirurgia plastica dell'addome, come in tutti gli interventi chirurgici importanti realizzati in anestesia generale o peridurale, vi sono minimi rischi ipotetici:

  • Al fine di minimizzare rischi e complicanze dell'addominoplastica, vi sarà chiesto d'effettuare accurate analisi pre-operatorie oltre ad un'attenta visita anestesiologica ed un'accurata anamnèsi.

  • Se dovesse presentarsi un ematoma nel post-operatorio, evenienza peraltro estremamente rara seppur descritta nella letteratura medica mondiale, potrebbe essere necessario drenarlo.

  • È talvolta possibile la formazione dei cosiddetti "sieromi", ovvero raccolte di linfa sotto il tessuto adiposo, dovute all'interruzione dei vasi linfatici in seguito a scollamento dei tessuti: nella maggioranza dei casi tali raccolte risolvono spontaneamente, a volte è invece necessario drenarle pungendole ed aspirandole con una siringa. Tale pratica, quando necessaria, non è minimamente dolorosa.

  • Occasionalmente si può verificare deiscenza della ferita, o in modo spontaneo o per eccessiva trazione dei lembi. In tali casi, dopo accurata e lunga serie di medicazioni locali e a cicatrizzazione avvenuta, è sempre possibile operare per revisione della cicatrice.

  • Per scongiurare la remota possibilità d'infezione si somministra, di routine, antibioticoterapia.

  • È talvolta possibile una cattiva guarigione delle ferite, soprattutto in pazienti geneticamente predisposti o in pazienti che siano forti fumatori: di norma, invece, le cicatrici evolvono bene, divenendo linee di colore bianco leggermente visibili. Alcune persone presentano innata tendenza all'allargamento delle cicatrici o a ipertrofìa delle stesse, fino alle cosiddette forme cheloidee. Qualora fosse dunque necessario, adeguata terapia medica o chirurgica può aiutare a risolvere il problema nei mesi successivi all'intervento.

  • Onde ridurre il rischio molto remoto di trombosi, verranno usati farmaci antiaggreganti piastrinici.

    ADDOMINOPLASTICA
    Prima e dopo l'intervento

    Cosa dovreste fare prima dell'intervento
    Prima dell'intervento di addominoplastica è consigliabile non assumere aspirina o medicamenti che contengano acido acetilsalicilico, a partire da dieci giorni prima della data fissata per l'intervento, poiché tale sostanza può causare sanguinamento.
    Il fumo peggiora l'irrorazione sanguigna periferica, quindi la guarigione dei tessuti, e può determinare una peggior cicatrizzazione delle ferite: è bene evitarlo completamente o ridurlo per quanto possibile.
    Se siete tendenzialmente anemici, è opportuna l'assunzione di ferro prima e dopo l'intervento.
    Se prendete la pillola anticoncezionale, il vostro chirurgo vi consiglierà di sospenderla a partire - almeno - da sei settimane prima dell'intervento. Sarà comunque possibile usare un altro metodo contraccettivo.

    Cosa dovrete fare dopo l'intervento
    Quando tornerete a casa dopo l'intervento di addominoplastica sarebbe opportuno che facciate meno sforzi possibile, magari facendovi aiutare da qualcuno nel vostro lavoro, o in quello domestico, per qualche giorno.
    Dovrete tornare dal chirurgo per togliere i punti dopo circa dieci-venti giorni, probabilmente in più sedute.
    Il vostro addome sarà opportunamente contenuto in apposita guaina di forma e materiale speciali per circa un mese, durante il quale comunque potrete condurre una normale vita di relazione.
    Potrebbero perdurare lievi o medie sensazioni dolorose, comunque transitorie, nei giorni successivi all'intervento: in tal caso si renderà necessaria l'assunzione di antidolorifici.
    Dovrete evitare attività sportiva estrema per almeno sei settimane.
    Dovrete evitare di esporre le cicatrici al sole durante i primi mesi, proteggendole con crema a schermo totale.

  • chirurgia estetica sommario
    Addominoplastica
    Chirurgia estetica dell'addome
    Bellezza

    bellezzaChe cosa determina la bellezza di un corpo, di un volto, di un seno? E poi: la bellezza, è normalità o eccezione?.....>>

    Chirurgia Estetica
    Rinoplastica
    Mastoplastica

    mastoplasticaLa mastoplastica è un intervento di rimodellamento del seno: se piccolo attraverso la rimozione dei tessuti in eccesso - mastoplastica riduttiva.....>>

    Lipoaspirazione
    Lifting
     
     
     
     
    | Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

    Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
    Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista