L'informazione in Odontoiatria
Posturologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Implantologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

Denti del giudizio e restringimento delle arcate

   
 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

Motore di ricerca  interno

 
 
Web www.odontoclinic.it
 

Inserisci una parola chiave di Odontoiatria, puoi scegliere se effettuare una ricerca nel web o in questo sito

Domanda Mi stanno crescendo i denti del giudizio sia superiori che inferiori ma solo a destra sono visibili. Non ho mai fatto panoramiche, tuttavia mi sembrano stringere un poco i denti nell’arcata e ultimamente gli incisivi superiori e inferiori non combaciano perfettamente come prima. Ritiene che siano loro i responsabili del leggero restringimento delle mie arcate?

Dr.Umberto Molini

Risponde il Dr. Umberto Molini
Condirettore Scientifico OdontoClinic
contatti

E' possibile che le arcate si siano ristrette a causa dell'eruzione dei denti del giudizio, anche se poteva accadere nonostante la loro assenza. Secondo una ricerca, non tanto recente, chi ha denti del giudizio, rispetto a chi non li ha, ha in più il 33% di possibilità di affollamento tardivo.
L'ampiezza delle arcate e l'allineamento dei denti sono sottoposti a complessi sistemi di forze biologiche, destinati a variare nel corso della vita, che possono, con il trascorrere del tempo, sia determinare che compromettere la loro omeostasi (il loro mantenimento).
Nel periodo della pubertà, ad esempio, la muscolatura periorale (muscolatura linguale all'interno delle arcate, muscolo orbicolare delle labbra e muscolo buccinatore delle guance all'esterno) e quella masticatoria subiscono notevoli mutamenti. In quest'epoca di sviluppo l'equilibrio di forze tra lingua all'interno delle arcate e labbra e guance all'esterno, specialmente in presenza di una malocclusione con atteggiamenti disfunzionali della muscolatura periorale o atteggiamenti a bocca aperta o succhianti, può modificarsi e determinare un restringimento delle arcate, un aumento dell'affollamento e perciò della malocclusione (aumento della sensazione di scomodità occlusale e peggioramento dell'estetica del sorriso). Anche le forze masticatorie aumentano d'intensità nel periodo di passaggio dall'infanzia all'età adulta, con l'aumentare di potenza dei muscoli masticatori. Ciò può determinare un approfondimento del morso e la riduzione dello spazio disponibile per i denti incisivi inferiori, che tendono ad affollarsi.
L'eruzione dei denti del giudizio è quindi solo una delle possibili cause di affollamento dei denti anteriori. La loro estrazione non fa altro che diminuirne la probabilità, non annullarla.

 
Ortodonzia linguale

ortodonzia lingualeUna tecnica nata per garantire l’invisibilità del trattamento ortodontico ai personaggi del cinema.....>>

Apparecchio Invisibile

apparecchio invisibileLa tecnologia laser e il software 3D per il massimo confort e l'invisibilità in ortodonzia .....>>

Ortodonzia

ortodonziaOrtodonzia significa letteralmente "denti dritti", è il termine che definisce la branca dell'odontoiatria.....>>

Ortodonzia invisibile

Le esigenze estetiche dei pazienti influenzano le tecniche ortodontiche.....>>

Casi clinici

foto caso clinico ortodonzia intercettiva

Ortodonzia intercettiva

ortodonzia posturale - correzione laterodeviazione mandibolare

Ortodonzia posturale

Morso profondo

Morso profondo

 
 
 
 
| Home | Chi siamo | Immagini | Video | Domande e risposte | Glossario |

Studio di Odontoiatria Dr. Umberto Molini - Via Ernesto Monaci n.5 - Roma - Tel 06/44245508 - P. Iva 01459890560
Studio Odontoiatrico Dr. Alessandro Fedi - P.zza Indipendenza n.22 - Firenze - Tel 055/4627407

Le informazioni a carattere scientifico-divulgativo contenute in questo sito sono curate dai dottori Umberto Molini e Alessandro Fedi
e da loro collaboratori.
Esse sono protette dal diritto di proprietà intellettuale che ne vieta la riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta degli autori.
Va evidenziato, peraltro,  che non devono essere intese come sostitutive del parere clinico del medico dentista
e pertanto non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione.