L'informazione in Odontoiatria



Posturologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Implantologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

FISCHI ALLE ORECCHIE

   

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito

 

Domanda Sono un ragazzo di 22 anni. Da circa sei mesi accuso problemi di acufeni alle orecchie, cefalee soprattutto nella zona occipitale della testa ed in qualche circostanza vertigini. Terrei a sottolineare che se ruoto la testa a destra o a sinistra il "fischio" alle orecchie che avverto aumenta di molto, così come aumenta di molto se muovo la mandibola in avanti o indietro. Tale sintomatologia l'ho manifestata anche tre anni fa. In quell' occasione mi sono recato al pronto soccorso dove sono stato sottoposto dalla visita otorinolaringoiatrica (esame audiometrico nella norma e timpanogramma ok) e dal neurologo che mi ha rassicurato dicendomi che l'unico problema che evidenziava era una contrattura del trapezio e per questo mi ha prescritto da prendere una pasticca al giorno di sirdalud per una ventina di giorni. In quell'occasione devo ammettere che i disturbi erano scomparsi. Circa sei mesi fa tali disturbi sono ritornati, mi sono recato da un otorino che mi ha sottoposto ad un esame audiometrico e ad un timpanogramma. L'esame audiometrico era ok mentre il timpanogramma evidenziava secondo l'otorino la presenza di un po' di catarro. Per questo mi ha sottoposto ad un ciclo di 10 insufflazioni che però non hanno risolto per niente il problema e mi ha prescritto anche una pasticca al giorno per 20 giorni di sirdalud che devo dire, se non ha diminuito il fastidiosissimo fischio alle orecchie, ha almeno diminuito il mal di testa. Nell'ultima visita fatta nel mese di dicembre mi ha rassicurato dicendomi che il fischio che avverto è a suo parere di origine ansiosa e che devo stare tranquillo. Premetto che sono un ragazzo tranquillissimo, conduco una vita regolare e non ho mai avuto e non ho a mio parere e secondo anche chi mi sta vicino (familiari, amici) problemi di ansia. Ho chiesto diverse volte al mio medico quale potesse essere la causa dei miei fastidi ma non mi ha saputo aiutare. Così ho fatto delle ricerche su internet (siti specializzati, forum) e ho trovato che i miei sintomi potrebbero essere causati da un problema all'articolazione temporo mandibolare. Voglio sottolineare che l'acufene aumenta soprattutto quando muovo in avanti o indietro la mandibola, oppure quando ruoto la testa e altra cosa che nessuno mi ha saputo giustificare, quando guardo la tv. Non è proprio un rumore che avverto, ma più una "cosa" simile ad un fischio o ad un sibilo. Vorrei sapere un vostro parere, da che specialista andare (gnatologo?) e su che esami fare.

Risponde il Dr. Alessandro Fedi
Condirettore Scientifico OdontoClinic
contatti

Il primo indirizzo l'ha già trovato recandosi dall'otorinolaringoiatra. In assenza di problemi otolitici o timpanici, letta la sua descrizione dei sintomi, ritengo possibile una disfunzione neuromuscolare di pertinenza posturale-gnatologica. Questi casi sono riportati in letteratura e sono anche nella mia esperienza personale. Il loro accertamento non é difficile per un esperto. Le raccomando quindi una visita presso un sanitario da ricercare tra i dentisti gnatologi o tra valenti chiropratici od osteopati.

 
Bite

com'è fatto

sedi di applicazione

tipi

costruzione

indicazioni cliniche

effetti neurofisiologici

bite e sport

bite e danza

caso clinico

 

Gnatologia

In odontoiatria è indispensabile tenere conto delle componenti gnatoposturali.....>>

 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista