L'informazione in Odontoiatria



Posturologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Implantologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

AFTE

   

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito

 

Domanda Sono un ragazzo di 24 anni e ho un bel po' di problemi che spero lei mi aiuti a risolvere:

1. da piccolo mi hanno tolto le tonsille perché malate, adesso basta un po' di freddo (credo dipenda da questo) e l'ingresso del cavo orale mi si riempie di afte o almeno penso si chiamino così queste specie di ferite

2. ho la lingua leggermente macchiata da una patina giallastra che non va via neanche se ad ogni lavaggio dei denti cerco di pulirla con lo spazzolino; inoltre mi capita di ritrovare delle afte ai bordi della lingua e adesso in superficie vicino all'ingresso della gola ho delle piccole bolle rosse; senza contare che a volte durante il pasto comincia a bruciare la lingua, e davanti allo specchio mi accorgo di avere delle zone arrossate

3. mi sanguinano le gengive e sembrano un po' ritirate. lavo molto spesso i denti durante la giornate e utilizzo una volta la settimana il filo interdentale, ma ciò non frena il sangue che oltre tutto mi rende l'alito cattivo.

Spero veramente sia così gentile da consigliarmi le cure più adatte a risolvere questi miei problemi.

La ringrazio anticipatamente e colgo l'occasione per porgerle i miei più distinti saluti.

Dr.Umberto Molini

Risponde il Dr. Umberto Molini
Condirettore Scientifico OdontoClinic
contatti

Non posso fare molto per Lei  basandomi solo sulla  descrizione che fa dei suoi problemi. Potrebbe, ad esempio, avere la tendenza a respirare con la bocca, un atteggiamento che unito ad un'igiene orale non perfetta (il filo interdentale va passato tutti i giorni) può provocare disbiosi del cavo orale: condizione favorente l'insorgenza delle afte che descrive. Il naso filtra, umidifica e termoregola l'aria inspirata, inviandola nelle vie aeree inferiori in condizioni ottimali. E l'aria stessa, nel passsaggio attraverso le cavità nasali, effettua un benefico massaggio delle mucose, rinforzando il loro potere di difesa dalle infezioni. Perché vengono le afte è sconosciuto (in gergo medico si chiama etiologia la studio delle cause di un'affezione), mentre è conosciuta l'esistenza di fattori che predispongono la loro comparsa come situazioni di stress, traumi locali, periodi mestruali, deficit vitaminici, in particolare di vitamine del gruppo b, turbe gastrointestinali, celiachia ecc....

La patina linguale refrattaria allo spazzolamento, oltre che da particolari condizioni anatomiche della lingua, potrebbe essere sostenuta da muco di origine rinofaringea, prodotto da patologie infiammatorie che si possono presentare a carattere cronico o acuto ricorrente in soggetti con atteggiamento respiratorio disfunzionale. L'azione di pulizia della lingua non richiede particolare energia perché c'è il rischio di irritare la lingua, favorendo la comparsa delle afte e l'aumento di produzione della patina. Esistono in commercio puliscilingua appositi, molto più efficaci dello spazzolino nel rimuovere la patina linguale, azione, che le rammento, va effettuata almeno 2 volte al giorno prima dello spazzolamento dei denti.

Le gengive che sanguinano e si ritirano segnalano seri problemi infiammatori (gengivo-parodontite) che vanno sottoposti con urgenza all'esame di un odontoiatra con area di esperienza nella parodontologia.

Potrebbe anche essere affetto da dismicrobismi intestinali, primitivi o secondari alla disbiosi del cavo orale, che possono aggravare tutti i problemi che mi segnala.

Perfezionare l'igiene orale, trattare gli eventuali dismicrobismi intestinali (dieta ed eventualmente un breve ciclo di probiotici tipo enterogermina), liberare il naso dal ristagno di muco la mattina e la sera (soluzione fisiologica spray), pulire la lingua delicatamente con un puliscilingua apposito e migliorare l'atteggiamento respiratorio, potrebbe aiutarLa, sempreché le mie supposizioni siano corrette.

Come può ben comprendere, le cure adatte al singolo caso vanno prescritte solo quando l'anomalia è stata ben identificata, così come devono essere ben identificate le cause che la determinano. Il mio invito pertanto è di rivolgersi ad un esperto odontostomatologo o patologo orale, che saprà consigliarLa per il meglio.

afta afta linguale
Immagini di afte che interessano le mucose del cavo orale
Clicca sull'immagine per ingrandire
     

 
Afte

afteLe afte sono piccole erosioni della mucosa orale dall'aspetto rotondeggiante, con dimensioni che variano da uno a più di dieci millimetri.....>>

Ortodonzia linguale

ortodonzia lingualeL'ortodonzia linguale è una tecnica nata per garantire l’invisibilità del trattamento ortodontico ai personaggi del cinema.....>>

Apparecchio Invisibile

apparecchio invisibileLa tecnologia laser e il software 3D per il massimo confort e l'invisibilità in ortodonzia .....>>

Piorrea

E' quasi sempre una gengivite trascurata all'origine delle gravi forme di piorrea .....>>

Gravidanza e parodontopatie

La malattia parodontale in donne in gravidanza può costituire un serio fattore di rischio per nascite premature e sottopeso.....>>

Posturologia

La postura corporea è una funzione integrata individuale su cui  psiche, soma e ambiente esterno agiscono con un gran numero di variabili.....>>

 
 
 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista