L'informazione in Odontoiatria



Implantologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Posturologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

Dr Alessandro Fedi - Firenze contatti
Dr Umberto Molini - Roma contatti

ENDODONZIA - ASCESSO ALVEOLARE ACUTO

L’ascesso alveolare acuto è rappresentato da una raccolta di pus localizzata a livello dell’osso alveolare circostante l’apice di un dente la cui polpa è andata in necrosi.

   

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito
 

Dr. Massimiliano Santoro Nell’anamnesi del paziente può esserci la storia di un trauma, oppure la polpa può essere andata in necrosi per un’irritazione chimica o meccanica. Più spesso l’ascesso alveolare acuto rappresenta la continuazione nel tessuto periradicolare di un’infezione pulpare e la sua causa immediata è rappresentata dall’invasione dei batteri. La sintomatologia a questo punto è cambiata, il dolore diventa localizzato per il graduale accumulo di essudato a livello dello spazio del legamento parodontale e i primi sintomi possono essere rappresentati da un leggero indolenzimento del dente che è diventato sensibile alla percussione o alla masticazione. Il dolore diventa ben presto più forte e martellante e il paziente ha la netta sensazione di un dente allungato. Oltre ai sintomi locali possiamo avere anche sintomi generali rappresentati da febbre e malessere. La diagnosi per il clinico è in genere facile a farsi, in quanto il paziente si presenta alla nostra osservazione indicando il dente responsabile. La raccolta purulenta, quando ha attraversato la corticale ossea, appare evidente, circoscritta e fluttuante e i test negativi di vitalità pulpare confermano l’origine endodontica dell’ascesso. L’esame radiografico è di scarso aiuto nel fare diagnosi, in quanto la zona apicale appare normale o al massimo con un leggero allargamento dello spazio del legamento parodontale. Ciò è dovuto al fatto che la lesione è recente ed è confinata al solo osso spugnoso. Se invece la radiografia mostra una netta radiotraparenza apicale, in questo caso l’ascesso è la riesacerbazione di un granuloma o cisti di vecchia data chiamata anche ASCESSO FENICE. La terapia d’emergenza dell’ascesso alveolare acuto consiste nel fornire un drenaggio alla raccolta purulenta , il che contribuisce ad alleviare il dolore del paziente ed a migliorare le sue condizioni generali. La via più naturale attraverso la quale dobbiamo cercare un drenaggio è rappresentato dai canali endodontici e quindi la terapia consiste nella preparazione di un’adeguata cavità d’accesso. La prognosi dei denti che hanno avuto un ascesso alveolare acuto è ottima ed in genere con un’adeguata terapia endodontica si ha una completa “restitutio ad integrum” e anche  i casi che sembrano molto compromessi per una mobilità molto accentuata dell’elemento dentale possono guarire perfettamente. La distruzione ossea avvenuta per motivi endodontici  si ripara completamente a differenza delle distruzioni ossee di origine parodontale.


POLPA NORMALE - E’ la polpa di un dente asintomatico che risponde normalmente ai vari test di vitalità e che radiologicamente mostra una lamina dura intatta ed un normale legamento parodontale su tutto il perimetro radicolare in assenza di segni di obliterazione canalare da calcificazione. ..>>
IPEREMIA PULPARE - Si denomina così una situazione clinica ancora reversibile, caratterizzata dall’insorgenza di un improvviso dolore acuto in risposta ad uno stimolo termico. ..>>
PULPITE - Il quadro clinico della pulpite o infiammazione irreversibile del tessuto pulpare è rappresentato da un dolore spontaneo che viene amplificato da stimoli caldi ma anche freddi nei primi stadi. ..>>
NECROSI DELLA POLPA - L’infiammazione irreversibile della polpa che si ha nella pulpite che persiste per un certo periodo di tempo determinerà la necrosi completa del tessuto pulpare, configurando il quadro che il profano conosce come dente morto. ..>>
GRANULOMA DENTALE - Il termine GRANULOMA è molto conosciuto dal pubblico, ma non molti ne comprendono pienamente l’accezione. Da taluni è addirittura percepito come assimilabile ad un tumore o ad una malattia grave che condanna il dente all’avulsione. ..>>
CISTI DENTALE - Dal punto di vista istologico il quadro è molto simile a quello del granuloma apicale, con la sola differenza della presenza di una cavità centrale ripiena di fluidi o materiale semi-solido tappezzata da un epitelio pluri-stratificato. ..>>
ASCESSO ALVEOLARE - L’ascesso alveolare acuto è rappresentato da una raccolta di pus localizzata a livello dell’osso alveolare circostante l’apice di un dente la cui polpa è andata in necrosi. ..>>

  

 

sommario endodonzia
Endodonzia
Malattie della polpa

polpa normale

iperemia pulpare

pulpite

necrosi della polpa o dente morto

ascesso alveolare acuto

granuloma dentale

cisti dentale

Ritrattamento endodontico
Endodonzia Chirurgica o Apicectomia
Uso del microscopio in endodonzia
Apigenesi

Apecificazione

Riassorbimento radicolare

Casi clinici

granuloma fistolizzato

Terapia endodontica per granuloma fistolizzato..>>

Immagini
Domande e risposte
 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista