L'informazione in Odontoiatria



Implantologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Posturologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

Dr Alessandro Fedi - Firenze contatti
Dr Umberto Molini - Roma contatti

ENDODONZIA - NECROSI DELLA POLPA O DENTE MORTO

L’infiammazione irreversibile della polpa che si ha nella pulpite che  persiste per un certo periodo di tempo determinerà la necrosi completa del tessuto pulpare, configurando il quadro che il profano conosce come dente morto.

   

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito
 

Dr. Massimiliano SantoroL’infiammazione irreversibile della polpa che si ha nella pulpite che  persiste per un certo periodo di tempo determinerà la necrosi completa del tessuto pulpare, configurando il quadro che il profano conosce come dente morto. La velocità di progressione della necrosi varia in rapporto alla possibilità che esista o meno un drenaggio dei fluidi infiammatori. Una pulpite in un dente la cui camera pulpare è chiusa, porterà più rapidamente alla necrosi totale di tutta la polpa, con scomparsa della sintomatologia pulpitica e comparsa di quella parodontale. La pulpite di un dente con grossa cavità cariosa con conseguente apertura della camera pulpare porterà ad un distruzione più lenta, con degenerazione della polpa coronale e presenza di tessuto pulpare ancora vivo a livello radicolare e persistenza della sintomatologia pulpitica. Infatti solo allorché la polpa sarà diventata ampiamente necrotica, le sostanze irritanti prodottesi nell’endodonto potranno iniziare la loro azione distruttiva sui tessuti periapicali. Dal punto di vista sintomatologico, il dente potrebbe anche essere asintomatico e di un colore più scuro. La discolorazione è talora l’unico motivo per cui il paziente si reca dal dentista e in questi casi nell'anamnesi ci può essere la storia subdola di una pulpite ricorrente e remittente o di un trauma sul dente. Il dolore associato ad una necrosi pulpare deriva dalla stimolazione dei recettori del dolore dei tessuti periapicali che rispondono alle pressioni evocate dal gonfiore o dalla percussione o dalla palpazione del dente. Dal punto di vista radiologico l’aspetto periradicolare può sembrare normale o con un leggero slargamento dello spazio del legamento parodontale. Il dente con polpa necrotica può non rispondere al test del caldo e non risponde al test del freddo o al test elettrico. Il trattamento consiste nella terapia endodontica che, in mancanza di sintomatologia, può essere programmata validamente.


POLPA NORMALE - E’ la polpa di un dente asintomatico che risponde normalmente ai vari test di vitalità e che radiologicamente mostra una lamina dura intatta ed un normale legamento parodontale su tutto il perimetro radicolare in assenza di segni di obliterazione canalare da calcificazione. ..>>
IPEREMIA PULPARE - Si denomina così una situazione clinica ancora reversibile, caratterizzata dall’insorgenza di un improvviso dolore acuto in risposta ad uno stimolo termico. ..>>
PULPITE - Il quadro clinico della pulpite o infiammazione irreversibile del tessuto pulpare è rappresentato da un dolore spontaneo che viene amplificato da stimoli caldi ma anche freddi nei primi stadi. ..>>
NECROSI DELLA POLPA - L’infiammazione irreversibile della polpa che si ha nella pulpite che persiste per un certo periodo di tempo determinerà la necrosi completa del tessuto pulpare, configurando il quadro che il profano conosce come dente morto. ..>>
GRANULOMA DENTALE - Il termine GRANULOMA è molto conosciuto dal pubblico, ma non molti ne comprendono pienamente l’accezione. Da taluni è addirittura percepito come assimilabile ad un tumore o ad una malattia grave che condanna il dente all’avulsione. ..>>
CISTI DENTALE - Dal punto di vista istologico il quadro è molto simile a quello del granuloma apicale, con la sola differenza della presenza di una cavità centrale ripiena di fluidi o materiale semi-solido tappezzata da un epitelio pluri-stratificato. ..>>
ASCESSO ALVEOLARE - L’ascesso alveolare acuto è rappresentato da una raccolta di pus localizzata a livello dell’osso alveolare circostante l’apice di un dente la cui polpa è andata in necrosi. ..>>

  

 

sommario endodonzia
Endodonzia
Malattie della polpa

polpa normale

iperemia pulpare

pulpite

necrosi della polpa o dente morto

ascesso alveolare acuto

granuloma dentale

cisti dentale

Ritrattamento endodontico
Endodonzia Chirurgica o Apicectomia
Uso del microscopio in endodonzia
Apigenesi

Apecificazione

Riassorbimento radicolare

Casi clinici

granuloma fistolizzato

Terapia endodontica per granuloma fistolizzato..>>

Immagini
Domande e risposte
 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista