L'informazione in Odontoiatria



Posturologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Implantologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

apparecchio invisibile

 

INVISALIGN - ROMA - FIRENZE
Allineamento dei denti invisibile

servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

 
motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito
 
glossario di odontoiatria

ASCESSO

L'ascesso si forma quando un'area di un tessuto s'infetta e l'organismo si attiva per combattere l'infezione. I leucociti (le cellule che difendono l'organismo da alcuni tipi d'infezione)  migrano attraverso i vasi sanguigni nel luogo d'infezione e si accumulano nel tessuto danneggiato. Nel corso del processo difensivo che caratterizza l'ascesso si forma il "pus", che è un accumulo di fluidi, cellule del sangue vive e morte, tessuti in disfacimento e batteri; oltre al materiale che ha dato avvio al processo suppurativo.

ASCESSO

ascesso

Ascesso dentario
L'ascesso dentario ha le caratteristiche generali di un qualunque ascesso, differenziandosi solo per localizzazione e modalità di attivazione del processo infettivo. E' un processo suppurativo che si sviluppa intorno al dente.

L'ascesso dentario, secondo la localizzazione, si distingue in ascesso periapicale ed ascesso parodontale.

Ascesso periapicale
E' una raccolta di pus che si forma all'inizio intorno all'apice radicolare e che tende a propagarsi ai tessuti circostanti ed esteriorizzare attraverso la gengiva e le parti molli. L'esteriorizzazione provoca la formazione di una fistola, cioè di un'anormale apertura del tessuto gengivale attraverso la quale avviene il drenaggio del materiale purulento. Le cause infettive sono le più frequenti. I materiali settici, contenuti nel canale radicolare, germi e tossine, possono migrare verso i tessuti periapicali e determinare la reazione infiammatoria. La radiografia del dente affetto può evidenziare un area di osteolisi periapicale (rarefazione ossea periapicale).
Mal di denti associato all'ascesso periapicale
L'ascesso periapicale provoca un mal di denti a carattere spontaneo, gravoso e continuo, a volte molto intenso nelle fasi iniziali di formazione della raccolta ascessuale, localizzato nell'area di diffusione del processo infiammatorio. La pressione masticatoria sui denti interessati ne aumenta l'intensità. I denti vengono spinti verso l'alto dall'essudato infiammatorio, andando prima degli altri ad impattare con i denti corrispettivi dell'arcata antagonista, e ciò aggrava il mal di denti, sommandosi all'infiammazione che circonda l'apice radicolare gli effetti del trauma occlusale. La fistolizzazione o la diffusione nei tessuti circostanti del processo infiammatorio provoca, in genere, una diminuzione della sintomatologia dolorosa.
Terapia d'urgenza dell'ascesso periapicale
Nella terapia d'urgenza dell'ascesso dentario periapicale il dentista dovrà mirare a favorire il drenaggio del pus attraverso la via del canale radicolare ed eliminare il trauma occlusale.

Ascesso parodontale
E' una raccolta di pus all'interno dei tessuti parodontali. In questo caso processo infettivo può raggiungere il parodonto attraverso il margine gengivale in conseguenza di irritazioni per presenza di tartaro  o per lesioni delle papille interdentali oppure in seguito a processi suppurativi che si sviluppano nella profondità di tasche parodontali; ed ancora nel corso dell'eruzione del terzo molare (dente del giudizio).
Mal di denti associato all'ascesso parodontale
Quando l'infezione si inoltra nel parodonto profondo (parodontite) può dare luogo a suppurazione, provocando l'ipermobilità dell'elemento dentario e un dolore spontaneo e gravativo che si esacerba al minimo contatto pressorio, vieppiù durante la masticazione. Quando questa patologia è generalizzata, e quindi estesa a più denti, si parla di piorrea. Sebbene la piorrea costituisca una malattia diffusa soprattutto in popolazioni con scarsa igiene orale e con deficit nutrizionali, come nei prigionieri di guerra, la si riscontra ancora oggi come causa frequente di mal di denti e perdita degli stessi.

FISTOLIZZAZIONE DELL'ASCESSO
L'ascesso periapicale può aprirsi una via di drenaggio, chiamata fistola, sulla mucosa orale corrispondente al dente interessato. Più raramente il tragitto fistoloso può prendere sbocco esterno sulla cute delle guance. L'interessamento infiammatorio del tessuto sottocutaneo o interstiziale, in corso di ascesso, si definisce flemmone.

Ascesso con fistola che sbocca sulla gengiva

Ascesso con fistola che sbocca sulla gengiva

PREVENZIONE DELL'ASCESSO
L'ascesso dentale si previene attraverso la prevenzione della carie dentale e delle malattie gengivali.
Evitando cioè la formazione e il ristagno della placca batterica sui denti e sulle gengive, ma anche curando le carie nei primi stadi di sviluppo e le gengiviti.

CURA DELL'ASCESSO
L'ascesso dentario può temporaneamente regredire, o spontaneamente o dopo l'assunzione di antibiotici, ma può guarire solo con l'intervento del dentista. E' importante sapere che una terapia antibiotica indiscriminata è assolutamente da evitare in caso di ascessi dentali ricorrenti, perché a fronte di un sollievo temporaneo può instaurare lo sviluppo di resistenze e dismicrobismi del cavo orale, sovente causa di complicanze come la candidosi orale. L'antibiotico, pertanto, andrà riservato alla fase acuta dell'ascesso, essendo solo la terapia causale effettuata dal dentista capace di porre rimedio alle condizioni che lo hanno determinato ed evitarne la ricorrenza.
Il dentista, in caso di ascesso
periapicale, deve effettuare un'accurata detersione, sagomatura e obliterazione dei canali radicolari del dente, per far si che avvenga la guarigione del processo infiammatorio localizzato al periapice.
In caso di ascesso parodontale dovrà stabilire l'entità e la causa della lesione dei tessuti di sostegno, prima di stabilire la terapia adeguata, che a volte potrà essere di tipo chirurgico, con intervento a lembo.

A B C D E F G
H I L M N O P
Q R S T U V Z
 
 
impianto dentale
Impianto dentale
 
afta
Afta
 
Frattura incisivo
 
morso aperto
Morso aperto
 
leucoplachia
Leucoplachia
 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista