L'informazione in Odontoiatria



Gnatologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Posturologia Alitosi
Implantologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
   

Dr Alessandro Fedi - Firenze contatti
Dr Umberto Molini - Roma contatti

Gnatologia

Introduciamo con questa pagina una materia controversa, la gnatologia, le cui problematiche stanno a cuore a molti pazienti sofferenti. Errori metodologici nella ricerca e nella pratica clinica derivanti da veri e propri "tunnel mentali" coinvolgenti sia gli operatori sanitari che i pazienti hanno creato una pletora di equivoci e, diciamolo pure, di diffidenza  reciproca nell'evoluzione di questo specifico  rapporto medico-paziente. La causa principale a nostro parere deriva dal passato, che viene fatto sopravvivere ancor oggi da dottrine "tradizionali" e quindi da molti operatori odontoiatri, in cui mancava o era solo accennata  un'ottica sistemica. Invece Il Sistema Stomatognatico è davvero un sistema complesso, a sua volta sottosistema del Sistema Posturale Globale, e presenta quindi le proprietà  autoreferenti dei sistemi complessi: è impossibile prescindere dalla conoscenza e dall'applicazione di queste nella diagnosi e nella clinica operativa.  E poiché paziente e medico interagiscono a loro volta in un sistema di reciprocità vogliamo ricordare  la necessità che  il paziente debba assumere  un ruolo attivo nel perseguire l'obiettivo salute riconoscendo nel medico il suo naturale collaboratore.

   

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito

 

Gnatologia è il termine che indica in senso stretto la branca medica che si occupa delle mascelle e di quanto è loro connesso ossia denti, articolazione temporomandibolare, muscoli della masticazione e sistema nervoso.

La gnatologia è nata circa un secolo fa per creare metodi di ripristino funzionale per lo più in pazienti edentuli (senza più denti), evenienza molto frequente nel passato, mentre oggi è parte determinante di qualsiasi intervento sia minimo, come dei semplici restauri dentali, che più importante, come un trattamento ortodontico o protesico con o senza implantologia.

In contrapposizione all’empirismo della maggior parte dei dentisti, gli gnatologi hanno creato nei decenni apparecchiature di misurazione evolutesi nel tempo, secondo il progredire tecnologico, che avrebbero dovuto portare a determinare con precisione l’equilibrio dei rapporti tra le strutture dentali, quelle osteomuscolotendinee e il sistema nervoso. In realtà l’arbitrarietà delle teorie del passato portò spesso (e fino a tempi molto recenti) a far sì che i maggiori danni ai pazienti fossero perpetrati da dotti gnatologi piuttosto che dentisti meno dotti, ma di maggior buon senso e “pollice verde”.

Le cose oggi sono cambiate. La visione olistica dell’uomo che negli ultimi vent’anni si è sempre piu’ affermata tra gli operatori della salute ha fatto sì che lo gnatologo veramente moderno abbia oggi un atteggiamento rivolto sì all’equilibrio mascellare, ma non più slegato dall’equilibrio di tutta la persona.
La gnatologia moderna si è quindi integrata nella “posturologia”. Quest’ultima si occupa dell’equilibrio statico e dinamico di tutta la persona intesa come psicosoma e considera il sistema stomatognatico (bocca e mascelle) in stretta connessione con altri sistemi e sottosistemi che integrandosi tra loro contribuiscono all’omeostasi e al buon funzionamento del corpo e della psiche.

La visione olistica e sistemica dell’uomo è avvincente perché integra l’operato degli specialisti di branca come per esempio oculisti, ortopedici, otorinolaringoiatri, neurologi, psichiatri, chiropratici, osteopati, fisiatri, fisioterapisti, omeopati, dentisti ed ortodontisti in una visione unitaria del paziente, sottraendo così lo stesso all’angheria spersonalizzante dello spezzettamento in parti di una macchina in cui ogni specialista vede solo quello che lo riguarda specificamente perdendo così il senso dell’insieme. In questa ottica nessuna branca specialistica è indipendente dalle altre e la collaborazione tra specialisti è obbligatoria.

Ciò pone però un problema importante: a chi si deve rivolgere per primo un paziente affetto da problematiche di disfunzione? Esiste una figura specialistica che possa assumersi un ruolo di diagnosi e per così dire di “direzione dei lavori” nei casi interdisciplinari, che possono essere cioè risolti pienamente solo col concorso di piu’ specialisti?
La risposta è no se ci riferisce a una figura istituzionale che di fatto per l’appunto non c’è. In teoria però ciascuno degli specialisti summenzionati potrebbe assumersi la responsabilità di un trattamento qualora riconoscesse innanzitutto la validità di una visione olistica e sistemica e fosse quindi poi in grado d’interagire con gli altri in modo valido e finalizzato.
In pratica esistono specialisti che si confinano strettamente nel proprio campo, specialisti che riconoscono la possibilità d’interazioni sistemiche con colleghi di altra branca, ma non le perseguono per vecchia abitudine o per mancanza di organizzazione in tal senso, specialisti che vorrebbero collaborare ma non trovano colleghi che corrispondano all’esigenza, specialisti che saltuariamente in casi particolari si trovano ad interagire e, infine, specialisti “cultori “ della visione olistico-sistemica che si costituiscono in Team con colleghi di analoga visione e collaborano continuativamente affrontando ogni caso in questa stregua. Quindi ciascuno dei componenti del team potrebbe assumersi la responsabilità dell’indirizzo diagnostico e terapeutico ogni volta che si trova ad affrontare un caso clinico che lo richieda.

Da quanto abbiamo esposto si desume chiaramente che l’ortognatodontista, gnatologo per definizione implicita in quanto si occupa peculiarmente della crescita e dello sviluppo armonico dentomascellare, deve sempre valutare il proprio paziente in quest’ottica. Si potrebbe quasi affermare che dovrebbe guardare i denti non prima di aver valutato l’atteggiamento posturale psicosomatico e che debba inquadrare ogni opzione di trattamento nel quadro delle conseguenze che si ripercuoteranno nel contesto posturale globale.


Gnatologia
Posturologia

La postura corporea è una funzione integrata individuale su cui  psiche, soma e ambiente esterno agiscono con un gran numero di variabili.....>>

Bite

com'è fatto

sedi di applicazione

tipi di bite

costruzione

indicazioni cliniche

effetti neurofisiologici

bite e sport

bite e danza

caso clinico

Postura corporea
Occlusione dentale e postura
Malocclusione
Ortognatodonzia posturale
Casi clinici
Domande e risposte

gnatologia

posturologia

Filmati
 
 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista