L'informazione in Odontoiatria



Posturologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Implantologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

Dr Umberto Molini - Roma contatti
Dr Alessandro Fedi - Firenze contatti

Igiene in corso di terapia parodontale

Nei giorni seguenti un intervento di chirurgia parodontale bisogna osservare alcune accortezze nello spazzolamento dei denti e seguire con diligenza tutte le istruzioni fornite dal parodontologo.

   

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito

 

Spazzolamento dei denti
Gli elementi interessati dall'intervento vanno spazzolati solamente nella loro parte coronale, facendo bene attenzione a non coinvolgere la gengiva in corso di guarigione, fino alla rimozione della sutura, salvo diversa indicazione; gli altri denti, invece, possono essere spazzolati con la normale azione che prevede la pulizia della corona dentaria e del primo tratto di gengiva, la quale, comunque, richiede maggior delicatezza dello smalto e una manovra che miri alla rimozione della placca batterica che si accumula nel solco gengivale e, al contempo, provochi una riattivazione della microcircolazione.
In caso di sensibilità, e dietro prescrizione del parodontologo, si consiglia l'uso del dentifricio Ionosens (Plakontrol) Lo spazzolino più adatto è il micro tip della Butler, tipo morbido.

Uso del collutorio
Il collutorio consigliato è " Plakontrol 15", che consente un'ottima azione disinfettante con una minima esposizione alla clorexidina, grazie a cio si ha una riduzione dell'effetto di pigmentazione dei denti e dell'alterazione del gusto. Durante il trattamento gli sciacqui vanno effettuati tre volte al giorno, per quindici secondi, dopo aver spazzolato i denti, senza diluire il collutorio, e senza risciacquare con acqua. L'ultimo sciacquo va fatto prima di coricarsi, lasciando così agire la clorexidina durante le prime ore di sonno. Dopo il trattamento lo schema di mantenimento prevede l'uso del collutorio Dentosan 0.12, per un minuto al giorno, per una settimana al mese.

Filo interdentale
Il filo interdentale rappresenta uno strumento fondamentale per l'igiene di quegli spazi che non possono essere raggiunti dallo spazzolino e che perciò ospitano e trattengono più facilmente la placca batterica. Va utilizzato inserendolo tra un dente e l'altro, e strofinando la corona dei denti in direzione verticale, prima su un dente e poi su quello adiacente; questo va fatto dopo ogni pasto, ed è molto utile anche come azione preventiva per la carie. Se gli spazi interdentali risultano particolarmente stretti, si può utilizzare un filo interdentale cerato che permette uno scorrimento maggiore tra i denti. Per i denti sostituiti da protesi fissa si consiglia l'uso del filo Superfloss (Oral B), o dell'Ultrafloss (Oral B) legato ad un ago passafilo (Butler) quando deve essere fatto scorrere sotto protesi a ponte.

Halimeter

Alitosi

Piorrea
Gengivite espulsiva
Test microbiologico

Questo esame fornisce al parodontologo le informazioni necessarie per stabilire un piano di trattamento mirato al caso specifico .....>>

Parodontologia
Gengivite
Parodontite cronica
Recessioni delle gengive
Rigenerazione guidata
 
 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista