L'informazione in Odontoiatria



Implantologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Posturologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

Dr Alessandro Fedi - Firenze contatti
Dr Umberto Molini - Roma contatti

IMPLANTOLOGIA ESTETICA DENTALE
INTRODUZIONE

La perdita degli elementi dentari rappresenta senza eccezione un evento preoccupante, un incubo ricorrente, un momento luttuoso. L’uomo da sempre ha sognato di non perdere mai i propri denti. I pionieri dell’implantologia fin dai primi anni del Novecento hanno cercato di “ricreare” i denti persi, nonostante i limiti dei materiali allora disponibili. Con l’implantologia osteointegrata la perdita di uno o più elementi dentari non costituisce più un problema permanente. L’implantologia estetica dentale del nuovo millennio assicura risultati ottimali sia estetici che funzionali. Il trattamento implanto-protesico è un presidio chirurgico che consente la sostituzione di un dente singolo, di più denti, oppure dell'intera dentatura. L’impianto o fixture è una struttura in titanio che rimpiazza funzionalmente la radice di un dente mancante. Il titanio è un metallo biocompatibile che non comporta reazioni da parte dell'organismo, ovvero non provoca alcun fenomeno di rigetto. L’impianto ha forma cilindrica o cilindro-conica con una sottile filettatura di lunghezza e diametro variabili, impiegati secondo le esigenze riscontrate in sede di diagnosi. Gli impianti dentali vengono inseriti nelle aree edentule dell’osso alveolare di mascella o mandibola. Dopo un periodo di guarigione, l'unione tra osso e impianto è definito osteointegrazione, che consiste in una connessione strutturale e funzionale tra osso e impianto. Il risultato finale del trattamento implanto-protesico è quindi la realizzazione di denti che appariranno esteticamente e funzionalmente simili a quelli naturali. Al di là della realizzazione di uno o più denti singoli, gli impianti osteointegrati possono essere utilizzati come supporto protesico per ponti oppure per stabilizzare protesi totali fisse o mobili (overdenture).

   

IMPLANTOLOGIA NOBEL GUIDE
A ROMA

implantologia nobel guide
DR ROSSI - DR RINALDI

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito
 

VANTAGGI Gli impianti dentali rappresentano una valida alternativa alle soluzioni tradizionali con ponti e corone ancorati su denti naturali. Le motivazioni principali per scegliere un impianto dentale comprendono:
Gli impianti dentali hanno funzionalità e aspetto paragonabili a quelli dei denti naturali.
Per supportare gli impianti dentali non è necessario intervenire sui denti sani.
Gli impianti dentali rappresentano una soluzione sicura e duratura.
La durata degli impianti è sovrapponibile con quella dei denti naturali, fermo restando che vengano attuate le necessarie misure di igiene.
I nuovi denti possono essere facilmente riparati o sostituiti utilizzando gli stessi impianti di supporto.

RISCHI GENERICI La percentuale di successo è prossima al 100% in condizioni ottimali di partenza, ovvero idonea qualità e quantità dell’osso, corretta igiene orale. La percentuale di fallimento è significativamente più alta nel soggetto fumatore [www.who.int]. Fermo restando che il successo sia subordinato da una esatta diagnosi e un corretto piano di trattamento chirurgico.

PROCEDURE DIAGNOSTICHE La TC Dentascan rappresenta l’esame gold standard per l’implantologia osteointegrata. Un straordinario progresso nella diagnostica per immagini è segnato dall’avvento della Tomografia Computerizzata (TC). Si è passati dalle prime immagini incerte e confuse alle attuali immagini così nitide che appaiono come fotografie di strutture anatomiche. Le immagini che compongono l’esame vengono assemblate per le ricostruzioni tridimensionali (3D). Dai dati della TC è addirittura possibile ricostruire modelli anatomici del mascellare superiore e della mandibola in dimensioni reali (replicazioni solide). Queste repliche anatomiche semitrasparenti, realizzate in resine epossidiche, sono in grado di evidenziare oltre le superfici ossee anche le cavità interne (ad esempio seni mascellari, cavità nasali e canale mandibolare), risultando di grande utilità per gli interventi di chirurgia implanto-protesica avanzata. Per una corretta diagnosi è pianificazione del trattamento è dirimente per il chirurgo disporre di questo esame strumentale. Di recente è stato introdotto il Tomografo Computerizzato Volumetrico Maxiscan, che analogamente alla TC tradizionale permette di eseguire esami radiologici tridimensionali del complesso maxillo-mandibolare.

VIDEO IMPLANTOLOGIA

Video che mostra un intervento di implantologia a carico immediato.
La lastra ortopanoramica mostrata all'inizio del video segnala una grave compromissione dei tessuti di sostegno dei denti dell'arcata mascellare, che impedisce il loro recupero. Si è optato, allora, per l'estrazione dei denti affetti da grave parodontopatia e l'inserimento di impianti dentali.

 

DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO L’intervento chirurgico di implantologia osteointegrata è una procedura ambulatoriale che solitamente è praticata in anestesia locale. In particolari casi clinici è consigliabile avvalersi del contributo di un medico anestesista per la realizzazione di una sedazione cosciente ad integrazione dell’anestesia locale, onde meglio controllare l’analgesia e quindi la collaborazione del paziente. Principalmente esistono due protocolli chirurgici per l’inserimento degli impianti dentali. il primo, denominato bifasico (two-stage), prevede l’inserimento dell’impianto totalmente coperto dalla mucosa alveolare; il secondo monofasico (one-stage) vede la porzione più coronale dell’impianto (pilastro di guarigione) esposta direttamente nel cavo orale. Naturalmente nella tecnica bifasica è necessario un secondo intervento chirurgico dopo un periodo di guarigione per l’esposizione dell’impianto e l’applicazione del pilastro di guarigione. L’utilizzo dell’una o dell’altra tecnica chirurgica è condizionata da fattori di ordine estetico e funzionale. Salvo eccezioni l’inserimento dell’impianto dentale deve essere guidato. Il metodo più usato è una mascherina chirurgica o dima chirurgica, realizzata in resina trasparente, che riproduce i denti mancanti con il relativo asse funzionale. La mascherina chirurgica può essere realizzata in laboratorio partendo da un impronta delle arcate dentarie oppure. Nel caso di implantologia complessa la mascherina chirurgica viene realizzata partendo da una Tomografia Computerizzata che consente di trasferire la pianificazione extraorale direttamente in bocca con la precisione adatta al caso implanto-protesico in studio. Quest’ultima procedura consente di inserire gli impianti senza realizzare il lembo muco-gengivale (flapless). La mascherina chirurgica rappresenta non solo una integrazione alla chirurgia, ma un sistema che consente di migliorare la pianificazione del trattamento. Ad integrazione della dima, l’intervento chirurgico può essere progettato e guidato mediante personal computer con software dedicati che partendo dalle immagini ottenute dalla TC consentono di ottenere un modello virtuale 3D dove può essere simulato l’inserimento delle fixtures. Sebbene di grande utilità, chirurghi esperti possono programmare in modo ottimale interventi chirurgi complessi anche senza l’ausilio di questi presidi. Per ottimizzare il risultato finale possono essere necessari interventi di chirurgia plastica dei tessuti molli gengivali, per migliorare estetica e funzione dei tessuti perimplantari.

CARICO Il carico funzionale dell’impianto può essere immediato, precoce o convenzionale. Il carico immediato vede l’attivazione dell’impianto entro 2-3 giorni dall’inserimento, quello precoce dopo 6-8 settimane ed infine quello convenzionale dopo 3-8 mesi. Le indicazioni nell’utilizzo di ciascuna procedura di carico sono condizionate da fattori di ordine estetico e funzionale [www.cochrane.org]. Il carico immediato richiede buona qualità e adeguata quantità ossea, per ottenere una ottimale stabilità primaria dell’impianto dopo l’inserimento. È una metodica che solitamente viene utilizzata per gli impianti inseriti nel settore anteriore della mandibola. Il carico precoce è la procedura maggiormente utilizzata, grazie alle nuove superfici implantari con proprietà osteoconduttive, formate da strutture tridimensionali passive (scaffold), che favoriscono lo sviluppo di vasi sanguigni e la formazione di nuovo osso. Con le nuove forme e superfici implantari il carico convenzionale è sempre meno praticato.

FOTO CASI CLINICI
Chirurgia: One-stage.
Chirurgia: Two-stage.
Protesi: Dente singolo.
Protesi: Ponte su impianti.
Protesi: Arcata completa.


 

sommario implantologia
Presentiamo l'implantologia
Implantologia orale
Impianti dentali

Nella maggioranza dei casi l‘implantologia dentale non è difficile né dolorosa.....>>

Com'è fatto un impianto
Durata dell'impianto dentale

Inserimento di un impianto

Basi del successo implantare
Insuccesso impianti dentali
Indicazioni e controindicazioni
Soluzioni implantari
Implantologia moderna

Casi clinici

implantologia per agenesia del laterale

Impianto per agenesia dentale..>>

Casi clinici
Video
 
 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista