L'informazione in Odontoiatria



Ortodonzia Posturologia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Implantologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

MASTOPLASTICA
RIDUTTIVA - ADDITIVA - MASTOPESSI

La mastoplastica è un intervento di rimodellamento del seno: se grande attraverso la rimozione dei tessuti in eccesso - mastoplastica riduttiva; se piccolo con l'inserimento di protesi - mastoplastica additiva; se sceso con il riposizionamento delle areole, dei capezzoli, dei tessuti, sino all'ottenimento di un tono più adeguato.

   

 
foto mastoplastica
Foto Mastoplastica
foto intervento labbra
Foto Intervento Labbra
 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito

 

Mastoplastica riduttiva
Il mio problema è....... il mio seno troppo grande

Il seno muta la propria morfologia durante l'adolescenza, e la sua misura è largamente determinata dai geni che una donna eredita dai genitori: talvolta può accadere che un seno sia più grande dell'altro, o che entrambi le mammelle raggiungano dimensioni esagerate rispetto al resto del corpo.

MASTOPLASTICA RIDUTTIVA

mastoplastica riduttiva seno grande e sceso prima mastoplastica riduttiva seno grande e sceso dopo l'intervento

Seno grande e sceso

Indipendentemente dal peso dei seni, eccessive dimensioni possono determinare sensazioni sgradevoli: un seno troppo grande può condizionare l'abbigliamento, le attività sportive, provocare fastidiose reazioni cutanee specialmente nei mesi caldi.

Parallelamente, un collegato disagio psicologico al "seno troppo grande" è molto frequente nelle adolescenti, sin da quando iniziano ad avere una cosciente vita di relazione.
Per l'uomo, invece, lo sviluppo delle ghiandole mammarie è in genere estremamente ridotto. Tuttavia, durante l'adolescenza, anche negli uomini possono verificarsi casi d'eccessivo accrescimento (ginecomastia), sempre comunque risolvibili con un semplice intervento chirurgico. L'intervento di Chirurgia Estetica che risolve il problema, sia per la donna sia per l'uomo, è denominato mastoplastica riduttiva.


Mastoplastica riduttiva: l'operazione in breve

Durante l'operazione di mastoplastica riduttiva il chirurgo incide e rimuove i tessuti in eccesso, sino ad ottenere la taglia desiderata. Seni di dimensioni più contenute vengono quindi scolpiti con i tessuti residui, cercando di dare ad entrambi identica forma e dimensione, e i capezzoli vengono riposizionati nel centro del nuovo seno.
Vi sono molte tecniche per effettuare questo intervento e il vostro chirurgo vi proporrà, durante la fase di pianificazione dell'operazione, quella più adatta al vostro caso: è importante che siate informati, poiché la posizione delle cicatrici residuali varierà leggermente in funzione della tecnica utilizzata.


Conseguenze dell'operazione di mastoplastica riduttiva?

Residueranno sempre alcuni esiti cicatriziali: per ogni seno, vi sarà una cicatrice circolare intorno all'areola, una verticale dall'areola fino al solco sottomammario, una orizzontale sempre sotto il solco sottomammario. Sappiate, comunque, che posizionamenti e forme delle cicatrici sono stati studiati per essere celati dal reggiseno o dal costume.
A volte capita, anche se non frequentemente, che a seguito di quest'operazione uno o entrambi i vostri capezzoli perdano parzialmente o totalmente sensibilità: nella maggior parte dei casi tale condizione è reversibile in breve tempo.
È anche possibile che dopo questa operazione non siate in condizione di allattare, perché i capezzoli vengono separati parzialmente dal tessuto mammario circostante. Ciò, ovviamente, non esclude che possiate allattare normalmente in una successiva gravidanza.

Durerà il miglioramento conseguito con la mastoplastica riduttiva?

Sì. Gli effetti dell'intervento di mastoplastica riduttiva dureranno per tutta la vita.
È possibile avere un aumento delle mammelle, anche se non eccessivo, in casi di notevole aumento ponderale o gravidanza.
Inoltre, tenendo presente che il seno ha la naturale tendenza a rilassarsi con il tempo, dovrete aspettarvi piccoli cambiamenti, nella forma, anche in seguito ad una riduzione. Tuttavia, potete ritardare tale tendenza indossando un reggiseno di misura e forma adeguate.

Mastoplastica additiva: limiti e rischi

Limiti
Non è sempre possibile ottenere una perfetta simmetria nella misura e nella forma del nuovo seno, particolarmente se prima dell'intervento vi erano preesistenti significative differenze fra i due seni.

Rischi
Nella mastoplastica, come in tutti gli interventi chirurgici importanti realizzati in anestesia generale, vi sono minimi rischi ipotetici:

  • Al fine di minimizzare rischi e complicanze, vi sarà chiesto d'effettuare accurate analisi pre-operatorie, oltre ad un'attenta visita anestesiologica ed un'accurata anamnèsi.

  • Se, come descritto nella letteratura medica mondiale, dovesse presentarsi un sanguinamento eccessivo nel post-operatorio, potrebbe esser necessario un intervento di revisione. Tale evenienza, tuttavia, è molto rara.

  • Il verificarsi di un'infezione (o sepsi) è possibilità estremamente remota. Onde scongiurarla, viene somministrata di routine antibioticoterapia.

  • Occasionalmente si può verificare deiscenza della ferita, o spontaneamente o per eccessiva trazione dei lembi. In tali sporadici casi, dopo accurata e lunga serie di medicazioni locali e a cicatrizzazione avvenuta, è comunque sempre possibile operare per una revisione

  • Normalmente le cicatrici evolvono bene, divenendo linee di colore bianco comunque visibili. Tuttavia, alcune persone presentano innata tendenza all'allargamento delle stigmati cicatriziali o all'ipertrofia della stesse, fino alle cosiddette forme cheloidee.
    In tale eventualità un'adeguata terapia medica o chirurgica può aiutare a risolvere il problema nei mesi successivi all'intervento.

  • È comunque possibile una cattiva guarigione delle ferite, soprattutto in pazienti predisposti geneticamente o in pazienti che siano forti fumatori. Pertanto, talvolta, può esser necessaria una revisione.

    Mastoplastica riduttiva: prima e dopo l'intervento

    Prima dell'intervento
    Se prendete la pillola anticoncezionale il vostro chirurgo vi consiglierà di sospenderla a partire - almeno - da sei settimane prima della data fissata per l'intervento, usando un altro metodo contraccettivo che riduca il rischio di trombosi.
    Se invece fumate, provate a smettere o a ridurre il numero delle sigarette per minimizzare il rischio di cattiva cicatrizzazione.

    Dopo l'intervento
    Nelle prime ore, o nei primi giorni post-intervento di mastoplastica, è possibile che avvertiate un leggero dolore: sin da subito e per i giorni successivi, sarà sempre comunque possibile controllarlo assumendo semplici analgesici.
    Quando tornerete a casa sarebbe opportuno che facciate meno sforzi possibile, magari facendovi aiutare da qualcuno nel vostro lavoro, o in quello domestico, per qualche giorno.
    I punti vi saranno tolti dopo circa sette-quattordici giorni.
    I vostri seni saranno opportunamente contenuti in apposito reggiseno di forma e materiale adeguati per circa un mese, durante il quale comunque potrete condurre una normale vita di relazione.
    Dovrete evitare di esporre le cicatrici al sole durante i primi tre-quattro mesi, eventualmente proteggendole con crema a schermo totale.
    A cicatrizzazione avvenuta potrete tranquillamente sottoporvi agli esami periodici di controllo del seno quali mammografia, ecografia, ecc.


    Mastopessi
    Il mio problema è... il mio seno è troppo sceso

    Nei casi in cui il seno sia troppo sceso, è possibile ottenere un notevole miglioramento estetico mediante il riposizionamento delle areole, dei capezzoli, dei tessuti, sino all'ottenimento di un tono più adeguato.
    Questo intervento di "scultura" del seno si può effettuare sia con l'aiuto di protesi per modificarne anche il volume, sia senza, per modificarne soltanto la forma.
    Le cure, i limiti e i rischi, il pre e post-operatorio non differiscono da quanto precedentemente descritto.

    Mastoplastica additiva
    Il mio problema è... il mio seno è troppo piccolo

    Alcune considerazioni
    Come precedentemente spiegato, lo sviluppo del seno avviene durante l'adolescenza e le sue dimensioni sono largamente determinate da fattori genetici. Responsabili di tale processo alcuni ormoni, attivi anche in caso di gravidanza: quando una donna è in stato interessante, infatti, il seno aumenta fintanto che tali ormoni sono presenti, per ridursi poi nuovamente quando ne diminuisce la quantità nel circolo sanguigno.
    Sulla base del meccanismo appena descritto, per molti anni, il trattamento del problema "seno piccolo" ha avuto una sola risposta: sottoporre le pazienti a terapia ormonale mediante assunzione prolungata. Lunghe e complesse ricerche, tuttavia, hanno oggi dimostrato come tale pratica non sia né sicura né efficiente, poiché notevoli effetti collaterali possono insorgere se l'assunzione si prolunga nel tempo.
    Metodi alternativi quali esercizi ginnici e massaggi con creme di varia natura, inoltre, non fanno aumentare le dimensioni del seno, e dunque non hanno alcun effetto sulla taglia.
    L'unica reale soluzione al problema risulta quindi quella chirurgica, mediante un intervento denominato mastoplastica additiva.

    PROTESI SENO PICCOLO

    Mastoplastica additiva

    Protesi per seno piccolo - Mastoplastica additiva

    L'operazione in breve
    Durante l'intervento di mastoplastica il chirurgo crea una piccola tasca dietro la ghiandola mammaria, o posteriormente alla muscolatura della parete toracica sulla quale essa appoggia, e in questo spazio inserisce una protesi. Oggigiorno è disponibile una vasta gamma di protesi aventi misure e forme diverse, cosicché è possibile scegliere l'appropriato impianto per ogni singola paziente: generalmente molti impianti sono formati da un resistente involucro di silicone riempito con gel di silicone, sostanza che conferisce all'impianto la stessa morbidezza d'un seno naturale.
    Altri, invece, sono riempiti con una soluzione salina simile ai fluidi corporei naturali, altri ancora sono realizzati combinando silicone gelatinoso e soluzione salina, ecc… ecc...

    Mastoplastica additiva

    mastoplastica: prima dell'intervento, seno piccolo

    mastoplastica: dopo l'intervento di chirurgia estetica,  seno corretto con protesi al silicone

    Intervento in caso di seno piccolo



    Quali sono le conseguenze dell'operazione di mastoplastica additiva?

    L'obiettivo dell'intervento di mastoplastica additiva non è unicamente ingrandire il seno ma, contemporaneamente, renderlo proporzionato ed armonico con il resto del corpo, donando in tal modo maggior femminilità alla vostra figura e facendovi sentire completamente a vostro agio nell'indossare qualsiasi tipo d'abbigliamento o quando vi spogliate.
    Per l'inserimento delle protesi è necessario effettuare piccole incisioni (3 - 4 centimetri) che guariscono cicatrizzando rapidamente: possono essere situate nel solco sottomammario, intorno all'arèola, nel cavo ascellare. Nella maggior parte dei casi, a guarigione avvenuta, sono poco visibili e comunque ben nascoste.
    In genere la sensibilità dei capezzoli è mantenuta.
    L'intervento non vi impedirà d'allattare al seno normalmente, qualora decidiate d'avere gravidanze successive.
    Generalmente la formazione della "capsula periprotesica" non compromette l'esito dell'intervento, tuttavia vi sono casi in cui è necessario reintervenire chirurgicamente, poiché la durezza della capsula stessa risulta maggiore della norma. Per minimizzare la probabilità che si verifichi tale inconveniente si utilizzano oggi alcune protesi dette "testurizzate", cioè fornite d'un involucro esterno rugoso invece che liscio, maggiormente biocompatibili.

    Mastoplastica additiva: limiti e rischi

    Limiti
    Per ogni donna esiste un limite oggettivo oltre il quale non è consigliabile aumentare le dimensioni del seno tramite mastoplastica. Tale limite è il risultato della combinazione di alcuni parametri, soggettivi e oggettivi, tra cui il gusto personale e la necessità di far mantenere ai tessuti elasticità e morbidezza naturali. Durante la visita pre-operatoria verranno prese accurate misure del vostro torace e si studierà la morfologìa del vostro seno, al fine di stabilire quali siano regole e ordine di procedura da seguire, in sede d'intervento, per donare alla vostra figura le giuste proporzioni.
    Se, ad esempio, oltre alla dimensione piccola non gradite la forma del vostro attuale seno, o se esso è un po' troppo "sceso", una mastoplastica additiva semplice non sarà sufficiente per ottenere buoni risultati, ma andrà combinata con un intervento di mastopessi che prevede la rimozione della pelle in eccesso e il riposizionamento dei capezzoli.

    Rischi
    Quest'intervento è nella maggioranza dei casi privo di rischi. Raramente, tuttavia, possono presentarsi le seguenti complicanze:

  • Alcuni giorni dopo la fine dell'intervento può verificarsi un sanguinamento: per interromperlo e rimuovere il sangue accumulato, in determinate circostanze, può rendersi necessario tornare in sala operatoria.

  • Il verificarsi di un'infezione è evento raro, ma se ciò avvenisse sarà necessario rimuovere temporaneamente l'impianto.

  • Se geneticamente avete tendenza alla formazione di cicatrici spesse, dure, rosse o irritabili per tempi lunghi, è possibile che tale problema si verifichi a seguito di quest'operazione.

  • Raramente, e in particolare se gli impianti vengono posizionati attraverso incisione periareolare, possono conseguire all'intervento alterazioni della sensibilità del capezzolo: se ciò avvenisse, tuttavia, si tratta in genere di un problema transitorio e reversibile.

  • Quest'operazione non aumenta in alcun modo la probabilità di sviluppare il cancro alle mammelle: è, anzi, di recente pubblicazione uno studio sull'effetto protettivo degli impianti al silicone nei confronti dei tumori al seno.

    Mastoplastica additiva: prima e dopo l'intervento

    Prima dell'intervento
    Se prendete la pillola anticoncezionale il vostro chirurgo vi consiglierà di sospenderla a partire - almeno - da sei settimane prima della data fissata per l'intervento di mastoplastica, usando un altro metodo contraccettivo che riduca il rischio di trombosi.
    Se fumate provate a smettere, o a ridurre il numero delle sigarette, per minimizzare il rischio di cattiva cicatrizzazione.

    Dopo l'intervento
    L'operazione di mastoplastica può esser realizzata sia in anestesia generale, sia in anestesia locale: di solito è consigliabile passare la prima notte post-intervento in clinica.
    Nelle prime ore o nei primi giorni post-intervento è possibile che avvertiate un leggero dolore. Sin da subito e per i giorni successivi, sarà sempre comunque possibile controllarlo assumendo semplici analgesici.
    Quando tornerete a casa è molto importante che vi mettiate a riposo, evitando così di svolgere lavori pesanti o fare movimenti bruschi, per i primi tre giorni dopo l'intervento di mastoplastica.
    Sarebbe opportuno indossare un reggiseno particolare per quindici - trenta giorni: vi permetterà di sentirvi più sicure anche nei minimi movimenti ed eserciterà il giusto grado di pressione.
    In genere la ferita chirurgica viene chiusa con una sutura intradermica, e quindi non vi sono punti di sutura tradizionali da rimuovere.

  •  

    chirurgia estetica sommario
    Mastoplastica

    mastoplasticaLa mastoplastica è un intervento di rimodellamento del seno: se piccolo attraverso la rimozione dei tessuti in eccesso - mastoplastica riduttiva.....>>

    Mastoplastica additiva
    Mastoplastica riduttiva
    Mastopessi
    Mastoplastica: vero e falso
    Mastoplastica additiva foto
    Mastoplastica riduttiva foto
    Bellezza

    bellezzaChe cosa determina la bellezza di un corpo, di un volto, di un seno? E poi: la bellezza, è normalità o eccezione?.....>>

    Chirurgia Estetica
    Rinoplastica
    Video chirurgia estetica

    video chirurgia esteticaNei filmati il Prof Del Gaudio tratta vari argomenti di chirurgia estetica: la blefaroplastica, la liposuzione, la mastoplastica, la rinoplastica.....>>

    Liposuzione Liposcultura
    Lipoaspirazione
    Lifting
    Vero e falso
     
     
     
     
    | Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

    Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
    Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista