L'informazione in Odontoiatria



Implantologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Posturologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

Dr Alessandro Fedi - Firenze contatti
Dr Umberto Molini - Roma contatti

Occlusione dentale e postura

L'occlusione dentale è la modalità del combaciamento dei denti dell'arcata superiore con quelli dell'arcata inferiore. Essa è stata analizzata geometricamente da cent'anni e più per individuare una norma ideale di riferimento verso cui portare le riabilitazioni odontoiatriche e ortodontiche.

   

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito

 

Il risultato della ricerca improntata ad una norma geometrica  ha prodotto una terminologia che, come spesso succede nella comunicazione linguistica, è stata ed é spesso foriera di confusione piuttosto che di chiarezza.

Si parla infatti di normocclusione riferendosi ad un modello ideale in cui l'incastro dei denti nel combaciamento avviene secondo regole codificate: per es. le linee verticali che separano gli incisivi centrali superiori ed inferiori devono essere centrate tra loro, i canini superiori devono cadere all'esterno e più lontani dal centro della bocca rispetto a quelli inferiori, etc. Si parla di malocclusione nei casi in cui alcuni di questi parametri geometrici non sono presenti e malocclusione grave nei casi in cui ne mancano molti. Sebbene non sia mai stato sottaciuto dagli Autori di queste classificazioni l'importanza previa e determinante della "centratura" delle mascelle che costituiscono le basi ossee sui cui sono inseriti i denti, si rintraccia in letteratura una mole impressionante di studi gnatologici sulla malocclusione basati sulla classificazione di Angle, ideata sulla geometria dei rapporti dentali, considerata a se stante. Ciò è stato fuorviante e questa fuorvianza si è riversata  nelle pratiche cliniche di molti odontoiatri ed ortodonzisti che hanno badato a costruire occlusioni coordinate dentalmente tra loro trascurando la giusta collocazione  di questo modello geometrico dentale  nello  spazio tridimensionale postulato su  un  coordinamento delle posizioni reciproche delle ossa mascellari.

Le conseguenze, in mancanza di una "vis sanatrix naturae", cioè di un bilanciamento indotto dalla eventuale naturale coordinazione neuromuscolare del paziente, sono   molto importanti, alla base di disturbi di varia natura dolorosa e disfunzionale con ripercussioni anche  sull'omeostasi posturale.

Considerando l'occlusione non solo come una costruzione geometrica dell'incastro dentale, ma come una modalità di combaciamento determinata e determinante la posizione mandibolare nel momento dell'incontro delle arcate superiore ed inferiore si possono capovolgere i termini: è di maggiore importanza il coordinamento della posizione spaziale dei mascellari rispetto alle modalità dell'ingranaggio dentale con cui questo avviene  e non viceversa 

Ovviamente l'ideale di riferimento terapeutico deve essere sempre  quello di ottenere un ingranaggio dentale ben costituito secondo le regole geometriche della "norma" collocato spazialmente nelle ossa mascellari in modo da ottenere una centratura  dell'occlusione, funzionale piuttosto che geometrica, rispettosa  del corretto funzionamento del Sistema Stomatognatico, sottosistema del Sistema Posturale Globale.

L'estetica di questa occlusione nella rappresentazione del sorriso sarà più facilmente perseguibile, perché la centratura funzionale ne è la premessa.

Quanto abbiamo appena esposto può essere assunto come definizione di una occlusione ben impostata gnatologicamente e ben correlata al funzionamento preesistente del Sistema Posturale Globale che, eventualmente non ottimale o francamente disorganizzato, può migliorare se disturbato in primis dalla malocclusione pre-cura. L'intervento terapeutico scatta ad un livello superiore d'impegno quando s'intenda modificare positivamente il Sistema Posturale Globale in primis per riadattare l'occlusione su questo riorganizzato  e non  su quello preesistente disorganizzato da cause diverse dall'occlusione o concomitanti.


                        

Occlusione dentale e postura
Posturologia

La postura corporea è una funzione integrata individuale su cui  psiche, soma e ambiente esterno agiscono con un gran numero di variabili.....>>

Bite

com'è fatto

sedi di applicazione

tipi di bite

costruzione

indicazioni cliniche

effetti neurofisiologici

bite e sport

bite e danza

caso clinico

Postura corporea
Occlusione dentale e postura
Malocclusione
Ortognatodonzia posturale
Casi clinici
Domande e risposte
Filmati

Casi clinici

correzione posturale con bite
Correzione posturale con bite
Bite e postura
 
 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista