L'informazione in Odontoiatria



Implantologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Posturologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

Dr Alessandro Fedi - Firenze contatti
Dr Umberto Molini - Roma contatti

Postura Corporea

Per definire la postura del corpo umano esistono molte proposizioni. Ciò dà ragione della difficoltà di una  definizione esaustiva. La ragione risiede probabilmente nella complessità della natura umana.

   

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito

 

Tra le varie definizioni proposte riportiamo le seguenti a titolo d'esempio.

1) La postura è la capacità del nostro corpo di assumere e cambiare posizione nell'ambiente di vita. 2) La postura umana è l'assetto tridimensionale spaziale dei vari piani e segmenti del corpo somatico. 3) La postura è la posizione che il corpo assume per controbilanciare la forza di gravità in una situazione di riposo o in movimento. 4) La postura è la posizione che il corpo assume per controbilanciare la forza di gravità in una situazione di riposo o in movimento. 4) La postura è la posizione che il corpo assume sia da fermo che in movimento. 5) La postura è la posizione che il corpo assume nella vita di relazione ed è corretta quando le varie parti del corpo si dispongono in maniera fisiologica. 6) La postura è la disponibilità e la capacità di una persona di mettere in relazione le varie parti del corpo in modo da assicurare ora e per il futuro la massima efficienza nella funzione comportamentale e nel funzionamento psicologico. 7) La postura è la scienza del corretto allineamento e della corretta gestione motoria del corpo umano in rapporto alla forza di gravità. 8) La postura é la sinergia con cui le varie parti del corpo nella loro interezza psicofisica concorrono all'attuazione di qualsiasi gesto. 9) La postura è il linguaggio non verbale del soggetto. 10) La postura è ciascuna delle posizioni assunte dal corpo contraddistinta da particolari rapporti tra i diversi segmenti somatici.

Con l'intenzione di sintetizzare e compendiare la definizione di ciò che personalmente intendiamo per postura proponiamo la nostra definizione:

“La postura è l’espressione somatica dell’atteggiamento relazionale dello psicosoma umano con la propria interiorità e con l’ambiente che lo circonda“.

Questa definizione ci piace perché permette  di porre validamente l’accento su tre aspetti estremamente  importanti e spesso sottaciuti:

1) la postura corporea è una funzione integrata individuale su cui  psiche, soma e ambiente esterno agiscono con un enorme numero di variabili. L'analisi completa ed esaustiva (che può rimanere l’obiettivo teleologico della ricerca, ma non della clinica quotidiana) di tutte le variabili  è attualmente IMPOSSIBILE.

2) un professionista seriamente impegnato in questa clinica col suo buon corredo di semeiotica  medica magari coadiuvata da un’analisi strumentale veloce, economica e sufficiente può evidenziare le variabili più importanti ed intervenire positivamente.

3) è infatti POSSIBILE sempre migliorare la postura individuale con un appropriato intervento, ma per ottimizzarla          in modo stabile occorre indispensabilmente la collaborazione del soggetto: questi si dovrà impegnare  personalmente nel percorso terapeutico suggerito e non pretendere di essere solamente  "aggiustato" sui denti, sui piedi o in altri punti. E' importante  che il paziente assuma nel  livello cosciente l'obiettivo salute come parte della propria individuazione.

   E’ possibile  che la nostra definizione tagli la testa  alle polemiche  e alle querelles più comuni in materia, soprattutto quelle riguardanti i rapporti tra l’occlusione dentale, la gnatologia e la postura corporea globale. Le dispute che attraversano questo campo sono dovute a vari fattori ma il principale ci sembra l' aderenza a vecchi modelli di attribuzione di ruoli terapeutici che frammentano la classe medica in specializzazioni di branca, troppo spesso  a loro volta  frammentanti l’unità psicosomatica dell’uomo.

       Le aspettative che sono state  determinate in funzione di ciò nel pubblico utente,  fanno ritenere a troppi  pazienti di poter pretendere ed ottenere una rimessa in efficienza del corpo rapida e meccanicista con un rapido intervento riparatore dell’operatore sanitario: a nostro parere l’interazione tra medico e paziente va rivisitata e corretta recuperando un concetto di collaborazione cosciente nel rispetto dei ruoli  piuttosto che di adeguamento passivo e  nello stesso tempo comodo e pretenzioso ad una imposizione terapeutica incompresa.

  Le spiegazioni fisiologiche elementari dell’omeostasi posturale sono peraltro a disposizione di tutti quelli che  vogliano finalmente leggere o rileggere un testo di fisiologia umana (esame fondamentale del terzo anno della facoltà di medicina), sufficiente a descrivere l’anatomia funzionale del sistema nervoso centrale e periferico e del sistema osteotendineomuscololigamentoso. Gli approfondimenti focalizzati degli studiosi di gnatologia e posturologia traggono infatti necessariamente  dalla fisiologia di base le loro indispensabili premesse .

Non c’è dubbio purtroppo che è proprio dalla mancanza di queste nozioni base che si possono riconoscere le speculazioni improvvisate di  “santoni” di scarsa cultura che infestano il campo, contribuendo alla confusione dei pazienti e alla mistificazione di una materia che è invece di per sé molto chiara quando affrontata con una chiave di pensiero che integri le conoscenze scientifiche con una visione sistemica e olistica dell’esperienza umana.

    Sotto questo profilo ci sentiamo di affermare che per un professionista sanitario affrontare la clinica delle disfunzioni posturali secondo un’ottica SISTEMICA ed OLISTICA non è più solo un piacere o un’originalità interpretativa, ma è un dovere IMPRESCINDIBILE.

Il pensiero sistemico offre infatti la possibilità di comprendere chiaramente come mai sia così difficile riconoscere in tanti casi la mancanza di aderenza dei successi clinici ai principi di sperimentazione basati su correlazioni causa-effetto lineari. Quest’ultime sono molto utili in alcuni aspetti della ricerca sanitaria, ma il loro utilizzo non può essere indiscriminato ed assoluto perché insufficiente e non adeguato alla complessità dei sistemi, le cui proprietà emergenti sono studiate e interpretate secondo dei principi autoreferenti.


Postura corporea
Posturologia

La postura corporea è una funzione integrata individuale su cui  psiche, soma e ambiente esterno agiscono con un gran numero di variabili.....>>

Bite

com'è fatto

sedi di applicazione

tipi di bite

costruzione

indicazioni cliniche

effetti neurofisiologici

bite e sport

bite e danza

caso clinico

Occlusione dentale e postura
Malocclusione
Ortognatodonzia posturale
Casi clinici
Domande e risposte
Filmati

Casi clinici

correzione posturale con bite
Correzione posturale con bite
Bite e postura
 
 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista