L'informazione in Odontoiatria



Posturologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Implantologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

Dr Umberto Molini - Roma contatti
Dr Alessandro Fedi - Firenze contatti

SPAZZOLINO INTERDENTALE O SCOVOLINO

Lo scovolino è un particolare spazzolino per l'igiene degli spazi interdentali che si usa:

   

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito

 

scovolino

- Per la detersione degli spazi interdentali particolarmente ampi;
- Per l'igiene delle protesi fisse, per rimuovere la placca batterica che si deposita al di sotto degli elementi del ponte;
- In presenza di retrazione delle gengive, quando si formano larghi spazi vuoti alla base dei denti.

Come è fatto? Lo scovolino è composto da un’anima di plastica o di metallo, in cui sono inserite delle setole artificiali disposte a spirale o a raggiera in forma cilindrica o cilindroconica.

Come si seleziona? Esistono diverse misure ma è necessario scegliere quelle adatte ai propri spazi interdentali. Lo scovolino deve entrare facilmente nello spazio interdentale con una leggera spinta, senza che ci sia pressione tra filo metallico e dente.

Come si usa? Si inserisce nello spazio interdentale con una leggera inclinazione: dal basso verso l’alto per l’arcata inferiore e dall’alto verso il basso per quella superiore.
Si effettuano movimenti orizzontali di "va e vieni" per circa dieci volte, mantenendolo bene aderente alla superficie dei denti.

Quando si usa? La pulizia degli spazi interdentali con lo scovolino può essere effettuata una volta al giorno, dopo cena.
E’ preferibile usarlo prima del normale spazzolino da denti, in questo modo si rimuovono i residui di cibo e la placca batterica dagli spazi interdentali lasciando libero accesso al fluoro contenuto nel dentifricio sulle superfici dentali interprossimali.
Il dentifricio non va mai messo sullo scovolino, perché potrebbe causare pericolose abrasioni delle superfici radicolari.
Se lo spazzolamento interdentale è doloroso, si deve continuare ugualmente ad usare lo scovolino: dopo 7-10 giorni le gengive inizieranno a guarire ed il dolore scomparirà.
Se dopo due settimane non si avverte alcun miglioramento, ci si deve rivolgere al dentista.

Come conservarlo? Lo scovolino può essere riutilizzato. Si deve comunque sostituire quando la parte centrale delle setole si è consumata, o comunque dopo 10-15 giorni. Una volta usato non va messo nella bustina assieme a quelli nuovi, ma conservato separatamente per farlo asciugare.

Attenzione! Per ottenere un'accurata detersione degli spazi interdentali è necessario assicurarsi che non siano presenti concrezioni calcaree: nel caso è bene fare prima una seduta di ablazione del tartaro dal dentista. 


 

Prevenzione delle malattie del cavo orale
Placca batterica
Piorrea

E' quasi sempre una gengivite trascurata all'origine delle gravi forme di piorrea .....>>

Tartaro
Carie dei denti
Corretto spazzolamento dei denti
Caratteristiche dello spazzolino da denti
Filo interdentale
 
 
Google
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista