L'informazione in Odontoiatria



Posturologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Implantologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

Dr Umberto Molini - Roma contatti
Dr Alessandro Fedi - Firenze contatti

PULPITE - ASCESSO

I popoli primitivi, il cui cibo richiedeva una masticazione energica ed era privo di saccarosio, avevano meno problemi con i denti; tuttavia, anche fra loro, la carie era abbastanza diffusa già molte migliaia di anni fa, come provano per esempio sette teschi, su trentadue, risalenti all’Età del Bronzo. Un inconveniente di una dieta di ghiande, pane di segale, carne e pesce crudo, era l’arrotamento dei denti; a cui contribuivano anche le particelle di silice e conchiglie mescolate al cibo. A volte si consumavano talmente le superfici masticatorie che i batteri entravano nella polpa dei denti provocando pulpiti e ascessi. Oggi la causa di queste patologie è la civiltà che ha prodotto una modifica della dieta. Con l'assunzione di cibi molli e zuccheri raffinati viene prodotta una placca batterica particolarmente adesiva e aggressiva nei confronti dei tessuti che compongono i denti, lo smalto e la dentina. Il risultato, qualora non si adottino adeguate misure preventive d'igiene, è la carie dentaria: un processo di cavitazione progressivo che percorre il dente dall'esterno verso l'interno. La pulpite e l'ascesso sono conseguenze; sequele infiammatorie, coinvolgenti la prima l'organo interno al dente, chiamato polpa, la seconda i tessuti che circondano il punto terminale della radice, chiamato apice radicolare.

   

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito

 

Come si determina la pulpite?
Il processo di escavazione provocato dalla carie dentaria si approfondisce all’interno dei tessuti duri della corona clinica del dente, smalto e dentina, fino ad interessare la polpa dentale che s’infetta e s’infiamma. L’infezione della polpa dentale che sta alla base della pulpite è irreversibile, una volta instauratasi non può più guarire con “restitutio ad integrum” e pertanto l’unico rimedio valido è la sua asportazione. Esistono casi meno frequenti di pulpite traumatica o chimica.

Cos'è la polpa dentaria?
La polpa dentaria è l’organo biologico allocato all’interno del dente. Si distingue in polpa camerale, la porzione situata nella corona, e polpa radicolare, quella che percorre l’interno del canale radicolare.

Perché la pulpite è molto dolorosa?
La polpa dentaria infiammata si espande all’interno del suo alloggiamento a pareti rigide determinando la compressione delle fibre nervose di cui è ricca. Il dolore che consegue è spesso improvviso, molto acuto, e si attiva all’inizio per stimoli fisici che colpiscono il dente, ad esempio caldo e freddo, o chimici, ma progredendo può insorgere spontaneo. Un carattere tipico del dolore della pulpite è la sua resistenza ai comuni analgesici, obbligando chi ne è colpito a cure d’urgenza.

Che ruolo hanno gli antidolorifici nel trattamento della pulpite?
Sono farmaci sintomatici, possono agire sulla sensazione di dolore, ma spesso sono inefficaci.

Che ruolo hanno gli antibiotici nel trattamento della pulpite?
Non hanno alcuna efficacia e pertanto non vanno assunti né prescritti.

Esistono rimedi casalinghi efficaci nei confronti del dolore da pulpite?
Il fai da te funziona poco in caso di infiammazione della polpa e l'unico rimedio efficace è recarsi urgentemente dal dentista che appronterà la terapia d'urgenza. Alcuni "rimedi della nonna" prevedono l'introduzione nella cavità provocata dalla carie dentale di chiodi di garofano, o mettere a contatto del dente interessato liquori secchi ad alta percentuale di alcool nella speranza che si verifichi un effetto anestetico.

Come si cura la pulpite?
La cura della pulpite si attua attraverso l’asportazione della polpa infetta, il procedimento terapeutico prende il nome generico di terapia canalare o, più specifico, devitalizazione. Assumere un farmaco antidolorifico può servire solo per attenuare il mal di denti da pulpite, in attesa di recarsi dal dentista. Spesso, nonostante gli antidolorifici, il dolore non si attenua e obbliga a rivolgersi con urgenza al dentista.

Cosa accade se non si cura?
La pulpite non trattata, dopo una storia più o meno lunga di episodi di dolore intenso, evolve in necrosi della polpa. Da cui possono insorgere sequele locali a carico dei tessuti peri-radicolari.
Il contenuto necrotico, infetto, del canale radicolare va a contaminare la zona circostante l’apice della radice dentale (periapice) determinando un ascesso dentale acuto o, altrimenti, una condizione d’infiammazione cronica (granuloma apicale). All'esame radiografico compare il segno caratteristico dell'osteite apicale (infiammazione dell'osso circostante l'apice radicolare), un'area di ridotta densità ossea (area di rarefazione periapicale), che sia il granuloma che l'ascesso determinano.

Come si forma l'ascesso?
L'ascesso si forma quando un'area di un tessuto s'infetta e l'organismo si attiva per combattere l'infezione. I leucociti (le cellule che difendono l'organismo da alcuni tipi d'infezione) migrano attraverso i vasi sanguigni nel luogo d'infezione e si accumulano nel tessuto danneggiato. Nel corso del processo difensivo che caratterizza l'ascesso si forma il "pus", che è un accumulo di fluidi, cellule del sangue vive e morte, tessuti in disfacimento e batteri; oltre al materiale che ha dato avvio al processo suppurativo.
L'ascesso dentario ha le caratteristiche generali di un qualunque ascesso, differenziandosi solo per localizzazione e modalità di attivazione del processo infettivo. E' un processo suppurativo che si sviluppa intorno al dente.

Che differenza c'è tra ascesso e granuloma?
Il granuloma è una masserella di tessuto di granulazione più o meno estesa, causata da uno stimolo infiammatorio cronico del periapice radicolare, circondata da una capsula fibrosa.

Come cambia il dolore in caso di infiammazione peri-radicolare?
Il dolore perde il carattere lancinante, intermittente e diffuso tipico del dolore pulpitico e diventa gravoso, continuo e localizzato. Non si accentua in seguito a stimoli fisici o chimici, bensì per stimoli meccanici: a seguito della pressione masticatoria sul dente interessato. A volte può esserci remissione spontanea completa del dolore che maschera la presenza dell’infezione.

Che ruolo hanno gli antibiotici nel trattamento dell'ascesso dentale?
L’assunzione di antibiotici in caso di ascesso dentale può circoscrivere l’infiammazione, mai guarirla. La remissione o l’attenuazione dei sintomi è solo temporanea, potendo ricomparire in qualsiasi momento. Assumere un antibiotico, pertanto,
può servire come terapia farmacologica d'urgenza, per attenuare il gonfiore e il dolore nell'attesa di recarsi dal dentista.

Come si curano l'ascesso dentale e il granuloma?
La remissione definitiva dell’infiammazione del periapice richiede la cura del dente (cura canalare o terapia endodontica). Il granuloma può andare incontro a guarigione a seguito di un intervento canalare o un intervento chirurgico di apicectomia. L'apicectomia viene riservata ai casi in cui l'intervento endodontico non è praticabile. Il granuloma non può andare incontro a guarigione spontanea e neppure a seguito di terapia farmacologica.


CHE DIFFERENZA C'E' TRA TRATTAMENTO E RITRATTAMENTO DEI CANALI?
Il trattamento dei canali è la terapia che viene effettuata in caso di infiammazione (la devitalizzazione è il trattamento dei canali effettuato su un dente con polpa vitale infiammata - pulpite) o necrosi della polpa dentale. L'obbiettivo è asportare la polpa infiammata o necrotica, detergere sagomare e sigillare i canali radicolari. Il procedimento mira alla conservazione nel tempo del dente senza che si verifichino sequele infiammatorie dei tessuti che circondano l'apice radicolare, come un granuloma o un ascesso. Il ritrattamento dei canali viene effettuato quando il primo trattamento dei canali fallisce il risultato a lungo termine, cioè si forma un ascesso o un granuloma. In questo caso si deve reintervenire togliendo il materiale di riempimento dei canali radicolari, ridetergerli risagomarli e risigillarli.

PREVENZIONE DELLA PULPITE, DELLA NECROSI DELLA POLPA, DELL'ASCESSO, DEL GRANULOMA - OVVERO PREVENZIONE DELLA CARIE DENTARIA
La prevenzione della pulpite, della necrosi della polpa, dell’ascesso dentale e del granuloma si ottiene attraverso la prevenzione della carie dentaria, e pertanto evitando la formazione e il ristagno della placca batterica sui denti. Una corretta alimentazione e diligenti manovre d'igiene orale possono prevenire la carie dentaria e, con essa, le sequele che abbiamo descritto.


 

 

 

Prevenzione delle malattie del cavo orale
Placca batterica
Piorrea

E' quasi sempre una gengivite trascurata all'origine delle gravi forme di piorrea .....>>

Tartaro
Carie dei denti
Pulpite e ascesso
Mal di denti
Corretto spazzolamento dei denti
Caratteristiche dello spazzolino da denti
Filo interdentale
 
 
 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista