L'informazione in Odontoiatria



Posturologia Ortodonzia Apparecchio invisibile Parodontologia Gnatologia Alitosi
Implantologia Prevenzione Denti bianchi Ortodonzia invisibile Radiologia Piorrea
       

Dr Umberto Molini - Roma contatti
Dr Alessandro Fedi - Firenze contatti

Rigenerazione guidata parodontale

Oggi è possibile rigenerare il tessuto osseo e connettivo andato perduto con l'inserimento di membrane e sostituti ossei nell'ambito dei tessuti parodontali.

   

 
 
servizio newsletter

PER MEDICI E ODONTOIATRI

Nome
Cognome
E-mail

motore di ricerca

CERCA UNA PAROLA DI ODONTOIATRIA

 
 
nel Web in questo sito

 

In che consiste la rigenerazione guidata?
La tecnica prevede l'inserimento di particolari sostanze nell'ambito dei tessuti parodontali che consentono la rigenerazione di tessuto osseo e connettivo laddove questo è stato colpito da riassorbimento.

Le sostanze utilizzate sono le membrane parodontali e i sostituti ossei, che possono essere entrambi di derivazione naturale o sintetica.

Cos'è il sostituto osseo?
Il sostituto osseo più utilizzato in parodontologia è l'osso di derivazione bovina deproteinizzato, il quale possiede una struttura molto simile all'osso umano e perciò estremamente favorevole per la rigenerazione; il sostituto osseo viene inserito all'interno dei difetti che si sono venuti a creare e poi ricoperto e separato dalla gengiva per mezzo di una membrana parodontale.

A cosa serve la membrana parodontale?
I tessuti umani hanno ritmi di crescita diversi e perciò le cellule che li costituiscono possono entrare in competizione per riempire uno spazio lasciato vuoto; una volta che la gengiva è stata suturata al suo posto, le cellule del tessuto epiteliale gengivale e quelle del tessuto connettivo fanno a gara per riempire il difetto osseo esposto dall'intervento chirurgico, a meno che non si provveda a separare le due famiglie di cellule con una membrana. Sarà questo esile velo alloggiato tra gengiva e osso e suturato intorno ai denti ad assicurare il tempo necessario per la rigenerazione alle cellule connettivali che hanno un ritmo mitotico, cioè di replicazione, molto più lento delle cellule epiteliali. Così questa crescita selettiva all'interno del difetto parodontale, restituirà nuovo cemento radicolare, nuovo legamento alveolare e nuovo tessuto osseo a quei denti che avevano perduto sostegno per azione della malattia parodontale.

Si tratta di una tecnica affidabile?
I controlli a distanza dei casi trattati con la rigenerazione guidata dei tessuti dimostrano il recupero di una quota importante dei tessuti parodontali distrutti, sia all'esame obiettivo che agli esami radiografici, e si tratta ormai di controlli a lunga distanza che danno molta fiducia ai parodontologi e che ci permettono di considerare la chirurgia rigenerativa una straordinaria opportunità terapeutica da proporre ai nostri pazienti.

Halimeter

Alitosi

Piorrea
Gengivite espulsiva
Test microbiologico

Questo esame fornisce al parodontologo le informazioni necessarie per stabilire un piano di trattamento mirato al caso specifico .....>>

Parodontologia
Gengivite
Parodontite cronica
Recessioni delle gengive
Rigenerazione guidata
 
 
 
 
 
| Home | Chi siamo | Pazienti | Aziende | Medici e Odontoiatri | Tecnologie |

Copyrhigt 2004 di Odontoclinic srl - Tutti i diritti sono riservati
Le informazioni fornite attraverso questo sito non possono sostituire la valutazione diretta da parte dello specialista